1025814427

100 partecipanti, 13 relatori, 9 esperienze: ecco i numeri del "dopo Festival" Didattica Digitale Laboratoriale di mercoledì 11 novembre 2020

Circa cento partecipanti si sono collegati sulla piattaforma virtuale Orientamenti mercoledì 11 novembre per seguire il webinar sulla Didattica Digitale Laboratoriale, in live streaming dalla sede di Liguria Digitale!

L'evento ha rafforzato la collaborazione in atto fra Scuola Digitale Liguria e Festival della Scienza offrendo un approfondimento sulle nuove modalità di realizzazione di laboratori, uno dei punti di forza del Festival e focus attuale delle attività specifiche di Scuola Digitale Liguria. Una giornata ricca di esperienze e spunti per realizzare al meglio la Didattica Digitale Laboratoriale, uno dei bisogni primari emersi dal report dell'indagine "Lezioni a distanza" sottoposta alla Community di Progetto durante il lockdown. 

Grazie ai racconti di chi ha dovuto tradurre in modalità digitale i propri laboratori, i partecipanti al webinar hanno avuto l'opportunità di conoscere nuove applicazioni e ambienti per l'interazione durante le attività di simulazione scientifica, si sono potuti confrontare con i setting più utili per condurre laboratori online e hanno potuto imparare nuovi linguaggi da sviluppare in modo creativo e innovativo. Per i docenti collegati, la giornata è stata quindi un'occasione di aggiornamento professionale e di aumento del senso di autoefficacia grazie alle attività laboratoriali a distanza con setting d'aula innovativi da realizzare anche con il supporto del Digital Team di Liguria Digitale che durante l'incontro ha offerto spunti e suggerimenti.

Il momento di approfondimento ha visto il susseguirsi sul palco virtuale di esperti del Festival della Scienza - che nell'edizione appena conclusa hanno condotto i cosiddetti digilab - e di numerosi docenti della Community di Scuola Digitale Liguria - scelti fra coloro che hanno realizzato laboratori a distanza. Tutti i progetti presentati sono già stati inseriti nell'Osservatorio e sono ora a disposizione di docenti e formatori in cerca di spunti per la realizzazione di attività di didattica laboratoriale a distanza.

 

I CONTENUTI DEL WORKSHOP

 

GLI INTERVENTI DEGLI ESPERTI DEL FESTIVAL DELLA SCIENZA

Giorgio Delzanno, DIBRIS Unige. L'intervento si è focalizzato sul racconto della conduzione del Digilab "I pirati del coding", realizzato nell'ambito dell'ultima edizione del Festival della Scienza. Nel laboratorio è stato sperimentato un setting che ha tenuto conto sia delle esigenze degli animatori scientifici sia del bisogno di coinvolgimento degli studenti, e sono stati utilizzati diversi software come Scratch, SmartOca e WooClap. 

 

Irene Pastorino, Festival della Scienza Il laboratorio "I colori dell'energia" dell'ultima edizione del Festival della Scienza ha testato sul campo alcune metodologie per tenere viva l'interazione con il pubblico a distanza: in particolare, oltre a quiz e sondaggi annunciati a inizio evento, si è rivelata utile la preventiva consegna alle classi partecipanti di un kit che potesse aiutare gli studenti a comprendere meglio il laboratorio.

  

GLI INTERVENTI DEI DOCENTI DELLA COMMUNITY

Claudia Incerti, IC Bogliasco - Pieve L. - Sori. Finalizzato a progettare, costruire e ricavare le leggi della fisica dall'esperienza, il laboratorio di scienze "Datemi una leva..." ha coinvolto non soltanto gli studenti, ma anche le famiglie che in alcuni casi hanno contribuito alla conclusione del progetto. Fra i software utilizzati per la conduzione delle diverse parti del laboratorio: Genially, OneNote e Padlet.

  

Enrico Castello, IC Serra Riccò - Sant'Olcese. Realizzato per imparare a padroneggiare il concetto di equilibrio, il laboratorio "Giochiamo con le leve", ricco di simulazioni con un buon grado di interattività, ha fatto uso del gioco quale palestra per sviluppare competenze in preparazione ad attività più complesse. Phet e Schoology le piattaforme utilizzate per il compimento del laboratorio.

 

Laura Battisti, IISS Capellini - Sauro. Grazie all'utilizzo della piattaforma Desmos - software libero per la realizzazione grafica, fruibile anche da smartphone - per il disegno di funzioni matematiche, i partecipanti al laboratorio hanno creato il modello matematico di un'immagine, imparando che con il linguaggio dei numeri è possibile rappresentare anche gli oggetti di uso quotidiano.  

 

Enrica Maragliano, Liceo Mazzini. Con l'obiettivo di verificare sperimentalmente che la velocità di propagazione delle onde dipende dal periodo, dalla frequenza e dalla lunghezza d'onda ma è indipendente dall'ampiezza, il laboratorio "Caratteristiche delle onde" ha permesso agli studenti di mettere in campo competenze di metodo e riflessività.

 

Daniela Piliarvu, Liceo Aprosio. Il laboratorio, realizzato dopo lo studio dell'elettricità e del magnetismo, ha sfidato gli studenti a costruire loro stessi il proprio artefatto sperimentale e li ha condotti a sviluppare capacità di riflessione e analisi critica grazie alle strategie risolutive che ognuno ha dovuto utilizzare per realizzare le attività sperimentali.

 

Elisabetta Molinaro, IISS Ferraris - Pancaldo. Lo scopo del laboratorio è quello di trovare un algoritmo che comunica se una parola è palindroma. L'obiettivo più importante, però, è stato quello di colmare il senso di vuoto causato dalla DaD e realizzare un ambiente disteso - anche grazie all'uso della musica - offrendo continuità didattica agli studenti.

 

GALLERY

  • Foto 1
  • Foto 10
  • Foto 11
  • Foto 12
  • Foto 13
  • Foto 14
  • Foto 15
  • Foto 16
  • Foto 17
  • Foto 18
  • Foto 19
  • Foto 2
  • Foto 20
  • Foto 3
  • Foto 4
  • Foto 5
  • Foto 6
  • Foto 7
  • Foto 8
  • Foto 9
 

torna all'inizio del contenuto