407143972

Oltre 50 partecipanti per il primo incontro sul tema della "AI a Scuola" di martedì 15 dicembre 2020, l'inizio di un percorso verso l'edizione di primavera di C1A0 Expo

Tanto l'interesse da parte dei docenti che hanno partecipato martedì 15 dicembre alla prima tappa del percorso di avvicinamento al workshop "AI a Scuola", in live streaming dalla sede di Liguria Digitale! Il percorso - avviato dal Progetto Scuola Digitale Liguria nell'ambito della manifestazione internazionale sull'Intelligenza Artificiale C1A0 Expo - culminerà in un workshop - ci auspichiamo in presenza - nella primavera del 2021.

Fra gli obiettivi, oltre a una didattica sempre più innovativa da realizzare da parte dei docenti liguri, anche quello di sfruttare il fascino dell'Intelligenza Artificiale per facilitare l'orientamento e avvicinare gli studenti e le studentesse al tema delle STEM. Per farlo, Scuola Digitale Liguria - grazie alla partecipazione al comitato di indirizzo di C1A0 Expo nel tavolo "Education and Dissemination" - ha avuto modo di conoscere aziende del territorio che usano l'AI nella loro missione e che hanno evidenziato come sia importante affrontare competenze legate all'AI fin dalla scuola.
E allora perché non partire dai docenti che già svolgono attività con l'AI e far sì che siano uno spunto per i colleghi che vorranno iniziare?

Sul palco virtuale si sono succeduti esperti e docenti della Community di Progetto scelti fra coloro che già realizzano attività con l'AI con i propri studenti. Gli interventi presentati hanno affrontato diversi aspetti del mondo dell'AI: dai big data alla roboetica, dal machine learning ai linguaggi di programmazione. Un'occasione di formazione non formale: grazie ai racconti di chi già realizza attività con la AI a Scuola, i partecipanti al workshop hanno avuto l'opportunità di lasciarsi catturare dalle opportunità che offrono i temi dell'Intelligenza Artificiale e di riflettere sulla fattibilità di attività simili nel proprio contesto.

 

I CONTENUTI DEL WORKSHOP

 

GLI INTERVENTI DELLA GIORNATA

Fiorella Operto, Scuola di Robotica. L'intervento ha offerto un focus sulla questione etica dell'Intelligenza Artificiale, spesso tralasciata a favore dell'aspetto "seduttivo" della tematica. L'esperienza raccontata evidenzia come il mondo digitale sia di solito vissuto come magico, con processi spesso sconosciuti. È quindi importante promuovere, fin dai primi anni di scuola, un uso consapevole della robotica e della AI.

 

Daniele Grosso, Contubernio d'Albertis. Il progetto presentato si sviluppa in tre anni e fa capire come l'Intelligenza Artificiale aiuti a comprendere meglio noi stessi. Il percorso verso la conoscenza è sommariamente articolato in tre fasi: descrivere la conoscenza, rappresentare la realtà partendo dall'elaborazione dei dati, creare un modello astratto sulla base della precedente rappresentazione. 

 

Giovanni Dodero, IISS Liceti. L'intervento ha raccontato la creazione, con l'utilizzo di un software scritto in Phyton e OpenCV, di un video in tempo reale con il finto ologramma dell'interlocutore, in pieno stile fantascientifico. Grazie a questa attività gli studenti hanno potuto comprendere le caratteristiche di un'immagine in termini di conservazione dei rapporti dimensionali e dell'ordine previsto con geometria e grafica cartesiana. 

 

Federica Brigandì, IC San Francesco da Paola. L'attività "Stare bene a scuola", realizzata in una classe seconda di Scuola Secondaria di primo grado, ha impiegato l'Intelligenza Artificiale per la rilevazione di dati ambientali con robot, schede programmabili e smartphone, con l'obiettivo di realizzare un artefatto digitale in grado di aiutare a compiere le scelte più giuste per diventare cittadini migliori. 

 

Caterina Amoretti, Polo Tecnologico Imperiese. Il progetto, pensato per le classi del biennio della scuola secondaria di secondo grado, si propone di sviluppare il tema delle neuroscienze e della cibernetica con un percorso articolato in sei lezioni propedeutiche alla creazione e all'addestramento di una rete neurale. Il risultato finale è la stesura collaborativa - e la conseguente pubblicazione - di un articolo di giornale.  

 

Alberto Cabri, IISS Majorana-Giorgi. L'intervento, che ha coinvolto le classi dalla seconda alla quarta dell'Istituto tecnico di riferimento, ha raccontato l'applicazione dell'Intelligenza Artificiale per stimolare l'interesse verso studi superiori in materia della compute science mediante l'avvicinamento graduale al pensiero computazionale con un linguaggio a ridotta complessità sintattica.   

 

GALLERY

  • Foto 001_Contesto
  • Foto 002_Aula
  • Foto 003_Agenda
  • Foto 004_Cavallini
  • Foto 005_Sugliano
  • Foto 006_Percorso
  • Foto 007_Operto
  • Foto 008_Brigand
  • Foto 009_Dodero
  • Foto 010_Cabri
  • Foto 011_Grosso
  • Foto 012_Amoretti
  • Foto 013_Chirico
  • Foto 014_Balistreri
  • Foto 015_Wordcloud
  • Foto 016_Falzone
  • Foto 017_Biancardi
  • Foto 018_Sondaggio
  • Foto 019_Focus
  • Foto 020_Ambiente
 

torna all'inizio del contenuto