Scuola Digitale e Innovazione

Scuola Digitale e Innovazione

Scuola Digitale: il bando per 25 percorsi didattici innovativi

Dal MIUR 4,3 milioni di euro per realizzare 25 percorsi didattici innovativi capaci di favorire lo sviluppo di competenze digitali e l'accompagnamento di attività di apprendimento degli studenti in maniera stimolante e attrattiva.
Si tratta di percorsi innovativi per modalità di fruizione, organizzazione dei contenuti, modalità di accompagnamento e valorizzazione dei risultati.

Un Bando che rende la scuola protagonista e capofila nella scrittura di questi percorsi per educare e aiutare i giovani ad affrontare le nuove sfide della cittadinanza digitale. E' un'occasione che consente di costruire una rete che includa scuole, università, imprese, enti di ricerca, associazioni per condividere e mettere a disposizione la propria esperienza e i propri strumenti. 

Le aree tematiche su cui dovranno lavorare le scuole sono:

  • diritti in Internet
  • educazione ai media e ai social
  • educazione all'informazione
  • Stem (sviluppo delle competenze digitali per la robotica educativa, making e stampa 3D, Internet delle cose)
  • big e open data
  • coding
  • arte e cultura digitale
  • educazione alla lettura e alla scrittura in ambienti digitali
  • economia digitale
  • Imprenditorialià digitale

Per partecipare le scuole devono costituirsi in rete e formare partenariati innovativi con la realtà esterna. I contenuti e i materiali dei curricoli proposti devono essere rilasciati in formato aperto in modo da renderne possibile il pieno utilizzo e il potenziale riuso, senza costi aggiuntivi di fruizione e riutilizzazione. 

Il Ministero prevede un contributo sino a 170.000 euro  per la realizzazione di ciascun curricolo digitale.

Per partecipare occorre presentare la domanda entro le ore 13 del 10 novembre 2016, secondo le modalità previste dal bando.

Il Ministero metterà a disposizione delle scuole sessioni di live streaming, Faq e Kit di supporto sul sito http://www.istruzione.it/scuola_digitale per sostenere la loro partecipazione al bando.

link di approfondimento:

Il Bando

Leggi tutto...

Alternanza scuola e lavoro, una realtà concreta in Liguria Digitale

Per 9 ragazzi  dell Majorana server e siti non hanno più segreti: nell'ambito delle prime azioni previste per il Progetto Scuola Digitale, si è conclusa, in Liguria Digitale, la prima fase di sperimentazione aziendale che ha coinvolto gli studenti dell’Istituto Tecnico Giorgi-Majorana. I giovani selezionati, tutti iscritti all'indirizzo informatico, hanno conosciuto i vari ambiti in cui agisce l'azienda dalla comunicazione al laboratorio software, maturando un esperienza in base alle loro competenze e ai loro interessi . Questo percorso formativo si concluderà entro il mese di settembre con l'acquisizione delle competenze digitali utili al loro ciclo di studi ma soprattutto fondamentali per l'inserimento nel mondo del lavoro.

Liguria Digitale ha anche sottoscritto un accordo di programma con l’Università degli Studi di Genova, che ha già consentito di attivare tirocini semestrali sia curriculari sia extra curriculari. Obiettivo di quest’attività è accompagnare i giovani verso il mondo del lavoro attraverso percorsi mirati che da un lato ne consolidino le conoscenze e dall'altro li preparino al lavoro in azienda.

Queste due iniziative raccolgono le indicazioni contenute nel Piano Nazionale Scuola Digitale (PnSD), e creano le basi per la realizzazione di nuovi scenari all'interno dell'offerta formativa e professionale della Regione Liguria, con un approccio metodologico innovativo.

 

 

Leggi tutto...

Schoolkit2: Come animare (e innovare) la Scuola...a colpi di tweet!

Il secondo Schoolkit è ideato e curato da Stefania Bassi, animatrice digitale dell'Istituto Comprensivo C.A.Dalla Chiesa di Roma. I destinatari sono  docenti, il team innovazione e gli studenti ed è  diretto a tutte le scuole di ordine e grado.

In questo modello vengono offerti suggerimenti sulle azioni utili per animare una scuola che sia condivisa anche sui social, sui passaggi per andare oltre il sito istituzionale dell'Istituto e sperimentare nuove modalità comunicative dando voce ad alunni, insegnanti, classi e plessi per raccontare la scuola su diversi account Twitter.

Il progetto mira a costruire e rafforzare una rete di collaborazioni e non necessita di una parternship pregressa per la sua realizzazione.

Per partecipare sono stati previsti 10 step:

  • 1) Cominciare a curiosare
  • 2) Sperimentare in modalità sandbox
  • 3) Aprire un canale di scuola condiviso 
  • 4) Puntare sulle risorse umane
  • 5) Ricordare che la fantasia è più importante della tecnologia
  • 6) Organizzarsi per animare l'account
  • 7) Raccontarsi con stile
  • 8) Cinguettare per partecipare
  • 9) Educare al tweet consapevole
  • 10) Illuminate&Illuminatevi
Leggi tutto...

Scuola digitale: un processo in piena evoluzione

A un anno dalla partenza  del Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD),  il sistema educativo italiano sta vivendo un processo di cambiamento non solo negli spazi di apprendimento ma, soprattutto, nella  relazione insegnante-studente, grazie all'introduzione delle nuove tecnologie.

Sono  19 le azioni partite sulle 35 programmate dal progetto nazionale,  grazie a uno stanziamento di un miliardo di euro da parte del Governo. Tra i progetti avviati  la "fibra a banda larga per ogni scuola", attivata in 700 comuni di Abruzzo, Lombardia, Sardegna, Toscana, Lazio, Calabria, Marche e Puglia.  Per gli ambienti digitali sono stati presentati 138 milioni per finanziarie 5983 scuole mentre per i laboratori territoriali sono stati destinati 60 iniziative per un massimo di 750 mila euro a progetto.

Le azioni, non sono solo destinate direttamente agli studenti: 235 milioni di euro sono stati stanzianti per la formazione del personale per un piano organizzato in tre fasi; il progetto, iniziato nel marzo 2016, terminerà con i moduli di approfondimento nel giugno 2017. Ad oggi è stata avviata la formazione di  157mila tra  docenti, dirigenti e personale tecnico-amministrativo. Tra le attività più interessanti  troviamo l'animatore digitale che supporta le azioni del PNSD. Sono stati nominati, finora, 8300 animatori digitali e molti altri si stanno formando.

Ma non sono tutte rose e fiori. Sulla formazione  nascono i primi dubbi, e qualche difficoltà dovuta alla formazione del personale, ma come si sa si tratta di un processo appena partito e in piena evoluzione. 

L'anno scolastico 2016-2017 sarà il banco di prova del piano, e dal Miur trapela che la creazione a settembre di un Osservatorio sulla Scuola digitale darà una marcia in più al cammino del piano nazionale.

 

Leggi tutto...

Schoolkit: Come fare manutenzione di macchine e attrezzature

Ecco il primo modello di Schoolkit,una sorgente di istruzioni per accompagnare le scuole nell'attuazione del Piano Nazionale Scuola Digitale.

Il primo Schoolkit, "Come fare manutenzione di macchine e attrezzature",  è  prodotto da partner istituzionali o privati ed è destinato ai docenti, al personale ATA e agli studenti. È diretto a ogni scuola di ogni ordine e grado.

È importante nella progettazione di un nuovo laboratorio funzionale non trascurare gli aspetti che riguardano la manutenzione della attrezzature e dello spazio. Molte volte si tende a sottovalutare l'entità della spesa facendo emergere troppo tardi la difficoltà di poter mantenere un laboratorio funzionale. Molte aziende produttrici di macchinari forniscono spazi dedicati dove ci si può iscrivere per scambiare con gli altri utenti informazioni, suggerimenti e aggiornamenti. Anche l'organizzazione in gruppi di insegnanti con laboratori simili può aiutare a condividere e risolvere molti problemi legati al contesto specifico di utilizzo dei macchinari.

I  genitori si possono partecipare e aiutare la scuola volontariamente nel funzionamento dei laboratori, pensando un coinvolgimento sia nella manutenzione che nell'organizzazione di attività didattiche.

Per la realizzazione dello Schoolkit occorre:

  • scegliere un responsabile che sia in grado di svolgere attività di manutenzione ordinaria e che sia capace di effettuare buona parte della riparazioni "semplici"
  • scegliere le attrezzature considerando anche affidabilità e manutenzione, consigliando di verificare che i produttori siano in grado di offrire un servizio adeguato di assistenza tecnica e di formazione
  • conservare e divulgare i manuali d'istruzioni, i quali sono risorse fondamentali per preservare l'efficienza delle macchine e per utilizzarle seguendo delle norme di sicurezza adeguate
  • scrivere il regolamento
  • tenere pulite e in ordine le attrezzature
  • anche i pc e i tablet sono macchine

Sono anche previsti degli interventi di manutenzione  che si dividono in:  

  • manutenzione ordinaria: esecuzione delle procedure specificate all'interno del libretto d'uso e dell'apparecchiatura che possono essere eseguite dall'operatore per assicurare il corretto utilizzo dell'attrezzatura;
  • manutenzione straordinaria: interventi eseguiti in seguito al verificarsi di inconvenienti non prevedebili e che normalmente sono realizzati da tecnici specializzati
Leggi tutto...

Nuovo PON contro la dispersione scolastica

Gli obiettivi del  PON  "Per la Scuola, competenze e ambienti per l'apprendimento 2014-2020" hanno come fine la riduzione del fallimento formativo precoce e della dispersione scolastica e formativa tramite  interventi di sostegno agli studenti più fragili.  Il sostegno sarà assicurato da soggetti pubblici e locali, associazioni, fondazioni e professionisti. Gli enti locali saranno i responsabili di servizi come mense, trasporti, gestione degli immobili adibiti all'uso scolastico e potranno facilitare la cooperazione contribuendo ad ampliare l'offerta formativa nelle istituzioni scolastiche.

Il progetto favorisce l’apertura delle scuole oltre il classico orario prevedendo l’accesso anche nei fine settimana e nei tempi di vacanza: le scuole diventeranno spazi di comunità in aree di particolare disagio abitativo e con un tasso molto elevato di dispersione scolastica.   Potranno essere sviluppate competenze che si possano ricondurre al curricolo e alle azioni di rinforzo delle competenze di base al fine di ampliare l'offerta formativa utilizzando metodi di apprendimento innovativi.

I beneficiari sono le istituzioni scolastiche ed educative, le quali potranno presentare una proposta progettuale relativa agli interventi formativi contro la dispersione scolastica per l'accrescimento delle competenze basate sui target specifici individuati dalle stesse istituzioni.

Il progetto prenderà il via dal momento dell'autorizzazione e dovrà essere concluso entro il termine dell'anno scolastico 2016-2017.

La presentazione della proposta progettuale avviene accedendo nell'area all'interno del sito dei Fondi strutturali 2014-2020 collegandosi all'indirizzo: http://www.istruzione.it/web/istruzione/pon/2014_2020 e caricare la documentazione richiesta.

 link di approfondimento:

Leggi tutto...

OpenCoesione: a scuola l'innovazione per la cittadinanza attiva

Al via la quarta edizione di "A scuola di OpenCoesione", il percorso innovativo di didattica interdisciplinare su open data, data journalism e politiche di coesione nelle scuole secondarie superiori.

Il progetto finanziato dal Miur è aperto a 200 scuole secondarie superiori di ogni indirizzo di tutto il territorio nazionale per promuovere i principi di cittadinanza attiva e consapevole anche con l’impiego di tecnologie di informazione e comunicazione.

Le classi che partecipano al progetto "A Scuola di OpenCoesione" sono impegnate nel corso dell'anno scolastico in un percorso didattico guidato dal docente referente che prevede le seguenti attività: monitoraggio civico dei progetti finanziati con le risorse per la coesione attraverso l'apprendimento di tecniche avanzate di ricerca; reperimento, analisi ed elaborazione di dati; utilizzo di tecniche avanzate di comunicazione e storytelling; incontri ed interviste con le istituzioni e i soggetti beneficiari dei finanziamenti oggetto della ricerca scelta; organizzazione di eventi per il coinvolgimento della comunità scolastica e territoriale.

Le scuole possono usufruire sul territorio del supporto dei Centri Europe Direct o di Open Genova (in Liguria) attualmente l'unica realtà ligure della Community ASOC 2016-2017,con le quali potranno scegliere di collaborare presentare una candidatura congiunta. "E’ tempo di avvicinare i nostri ragazzi al monitoraggio civico attraverso l’uso dei dati aperti e delle nuove tecnologie! Per questo Open Genova si fà promotore sul territorio e presso le istituzioni locali di questo ottimo progetto di cittadinanza attiva e digitale" Enrico Alletto, Presidente Open Genova

Il premio in palio per la migliore ricerca realizzata dalle classi partecipanti è un viaggio di istruzione di due giorni a Bruxelles presso le istituzioni europee, finanziato dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea. 

Per partecipare, occorre seguire le modalità richieste nel bando e  presentare la candidatura on line entro le ore 15 del 14 ottobre 2016.

 

Leggi tutto...

La scuola al centro: finanziamenti contro la dispersione scolastica

240 milioni di euro per consentire le aperture pomeridiane e orari extrascolastici in circa 6000 scuole italiane, è l'obiettivo de "La Scuola al Centro", il bando del Miur per fronteggiare la dispersione scolastica e il disagio sociale offrendo agli studenti un arricchimento del percorso formativo.

Le scuole che si aggiudicheranno i finanziamenti dovranno garantire almeno 60 ore extra di potenziamento delle competenze di base e altre 60 ore per lo sport e l’educazione motoria.  

Vanno, poi, aggiunti quattro moduli da 30 ore ciascuno in coerenza con il Piano dell’offerta formativa che avranno come oggetto: il rafforzamento della lingua straniera, le competenze digitali, l’orientamento post-scolastico, la musica, il canto, l’arte, la scrittura creativa, il teatro, laboratori creativi e/o digitali per la valorizzazione delle vocazioni territoriali, l’educazione alla legalità e la cura dei beni comuni, la cittadinanza italiana ed europea. 

Previsti anche percorsi formativi e di inclusione in grado di coinvolgere i genitori e il territorio. 

Le scuole che intendono presentare la domanda, dovranno elaborare un progetto specifico con i requisiti contenuti nel bando entro il 31 ottobre 2016.

Sono previsti sino a 40 mila euro a progetto.

 

link di approfondimento:

La Scuola al Centro- Bando

Leggi tutto...

Maker Faire a Roma: appuntamento con l'innovazione

Dal 14 al 16 ottobre Roma sarà la sede della quarta edizione di "Maker Faire", l'evento sull'innovazione digitale più importante al mondo.   Maker Fire è il luogo in cui maker e appassionati di ogni genere si incontrano per presentare i loro progetti, condividere esperienze e scoperte.

La manifestazione ha origini americane, nasce  in California nel 2006 e, dopo neanche dieci anni, vanta ben oltre 150 eventi in tutto il mondo riuscendo a coinvolgere oltre 1,5 milioni  di visitatori.

L'edizione europea è organizzata da Innova Camera, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma per l'Innovazione. E' stato strutturato come un appuntamento dove scienza, fantascienza, tecnologia, divertimento e business si uniscono per dare vita  a qualcosa senza precedenti.

Ma non sono solo i professionisti gli unici beneficiari il "Maker Faire" attirare  anche  appassionati di scienza e tecnologia: si possono trovare invenzioni in campo scientifico e tecnologico, biomedicale, manifattura digitale, internet delle cose, alimentazione, clima, automazione e anche nuove forme di arte e artigianato.

La terza edizione di Maker Fire a Roma è risultata terza solo dopo gli eventi sportivi e le funzioni religiose della capitale con oltre 100.000 presenze, 452 progetti, 511  tra conferenze, live talk e workshop, 16 400 studenti, 8 000 bambini, 600 giornalisti che hanno prodotto una copertura mediatica di oltre 3.000 tra articoli e servizi televisivi.

Per l’edizione 2016 sono attese centinaia di progetti, idee e invenzioni di makers, startup, PMI innovative, scuole, università e Fab Laps da tutta l'Europa. In programma sono previste live performance, workshop, seminari, conferenze e molte altre sorprese per i più piccoli a cui sarà riservata un'Area Kids più grande e ricca di attività ludico-formative.

 

link di approfondimento:

Maker Faire

Leggi tutto...

“Animatori digitali lab”: formazione nuovi docenti

Con l'inizio dell'anno scolastico, grazie a un progetto siglato dal MIUR con Microsoft,è partito il piano di formazione alle nuove tecnologie destinato a trentamila docenti per favorire l'innovazione didattica nelle scuole. 

In questo ambito è stata lanciata la nuova iniziativa "animatori digitali lab" che formerà oltre 8.000 insegnanti destinati ad attuare il Piano Nazionale Scuola Digitale. 

I docenti formati seguiranno il processo di digitalizzazione all'interno delle proprie scuole per circa tre anni, organizzando attività, laboratori e individuando soluzioni tecnologiche nonché metodologiche. 

Microsoft ha assicurato il suo impegno a sostenere il processo di modernizzazione del sistema educativo italiano a fianco delle istituzioni, garantendo esperienze tecnologiche innovative a supporto del processo di educazione e apprendimento.  

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Regione Liguria - Piazza De Ferrari 1 - 16121 Genova - tel. centralino +39 010 54851 - numero verde gratuito Urp 800 445 445 - fax +39 010 5488742 - © Regione Liguria p.i. 00849050109 - scuoladigitale@regione.liguria.it

Login or Register

Per offrire informazioni e servizi nel miglior modo possibile, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli vedi la privacy policy. privacy policy.